L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito: soltanto qui è la chiave di tutto. (Goethe)

lunedì 15 settembre 2008

Fini e l'Antifascismo...un falso storico

"Se i valori dell'anti-fascismo sono libertà, uguglianza e giustizia sociale allora tutti dobbiamo riconoscerci nell'anti-fascismo". Con questi semplici e futili parole il pres. della camera G. Fini ha gelato la composta e matura platea di Atreju 2008, annuale appuntamento per i ragazzi di Azione Giovani. Nessuno si aspettava un intervento simile, un mix di storia e politica inutile e anacronistico, una lezioncina che i giovani di AN non meritavano. Forse Fini è troppo impegnato a mantenere l'equilibrio sul suo piedistallo per pensare e dire qualcosa di serio e concreto ai suoi ragazzi, che in quanto a storia e revisionismi ne hanno ascoltate abbastanza lectio magistralis.
Non si riesce a capire il perchè di tutto ciò, perchè proprio lui deve dire a noi che l'anti-fascismo è un valore e che in Italia è giusto che ci siano morti di serie A e morti di serie B (morti di Salò), questo discorso te lo aspetti da un leader di sinistra, ma non da colui che nel nostro panorama politico ha sempre rappresentato la destra moderna.
Nella platea di Atreju c'erano giovani che forse non si sono mai detti fascisti (a differenza di Fini) e che la storia la studiano o l'hanno studiata e sanno ben scindere il bene dal male, ma nn per questo devono sentirsi anti-fascisti, anzi sono ragazzi che lottano giorno per giorno per la libertà(scuole e università), per l'uguaglianza(proprio contro chi si fregia di essere un anti-fascista militante) e per la giustizia sociale( che lui da politico dovrebbe garantirci).
Forse il caro Gianfranco non conosce bene i suoi giovani o forse li frequenta poco, non lo sa che non abbiamo bisogno delle sue svolte per capire in che mondo e società viviamo, se in questi anni Azione Giovani, Azione Universitaria e Azione Studentesca si sono affermati nel territorio nelle università e nelle scuole è perchè noi siamo immersi nel nostro tempo, ascoltiamo la musica dei nostri coetanei, conosciamo i loro problemi, forse meglio dei nostri leader, raccogliamo il loro consenso proprio perchè non siamo nostalgici e fuori dal mondo.
E se qualcuno si domanda come mai siamo cosi ostili all'anti-fascismo a Fini e a tutti i sapiens ricordiamo che in nome di questo valore noi (ragazzi di destra) veniamo ancora discriminati, insultati e aggrediti e che in una parte della storia dimenticata( Fini ne dovrebbe sapere qualcosa) altri ragazzi hanno perso la vita e altri sono stati fucilati o infoibati, forse la lezioncina su quali valori rappresenta l'anti-fascismo Fini la dovrebbe fare, da presidente della Camera, a chi ancora oggi parla di pericolo fascista e incita all'odio politico.
Caro presidente NOI non facciamo politica per hobby, siamo giovani, ma siamo maturi e l'abbiamo dimostrato in questa fase di nascita del PDL e non fischiandola per le assurdità che ha detto sabato mattina, quindi ci risparmi la sua saccenza e la sua prosopopea, noi nn siamo fascisti ma nn siamo neanche anti-fascisti, NOI riusciamo a scindere i fotogrammi giusti e sbagliati della nostra storia e difenderemo sempre chi prima di noi ha deciso di schierarsi dalla parte sbagliata(come dice lei erano in buona fede).
Non accettiamo l'ennesima lezione di storia e di vita, soprattutto dal nostro capo e a casa nostra, per l'ennesimo anno Atreju è stato un laboratorio ricco di idee, frutto di una generazione di giovani che lottano e elaborano politica e continuano a fare sacrifici, anche per chi li continua a considerare massa non pensante.
Concludo con una frase inviatami oggi, da un' amica-camerata, che rappresente il nostro modo di fare politica.

Abbiamo scelto di volare, si sa comporta rischi
non sempre il cielo è limpido e alcuni voli in picchiata
rischiano di spezzarci le ali..
Ma quelli come NOI non conoscono paura
ma rabbia che trasformata in amore
ci porterà in alto ancora

fino alla prossima sfida, fino alla VITTORIA!!

6 commenti:

Drachen ha detto...

voi volete fare i democratici e i difensori di Salò contemporaneamente.
un pò troppo comoda.

ma non per un giusto e sbagliato, ma semplicemente perchè è incoerente.

Anonimo ha detto...

"E se qualcuno si domanda come mai siamo cosi ostili all'anti-fascismo a Fini e a tutti i sapiens ricordiamo che in nome di questo valore noi (ragazzi di destra) veniamo ancora discriminati, insultati e aggrediti e che in una parte della storia dimenticata( Fini ne dovrebbe sapere qualcosa) altri ragazzi hanno perso la vita e altri sono stati fucilati o infoibati,"

se siete fascisti è giusto che siate discriminati, insultati, aggrediti e anche fucilati e infoibati.

JL

socialista eretico ha detto...

Fini ha dato due sberle ai ragazzini ed ha fatto bene.
Richiamarsi al fascismo quando si accetta la democrazia, il capitalismo(e l'atlantismo) è o da pivelli o da cialtroni.

I pivelli è ora che crescano, i cialtroni che lascino il partito.

saluti

p.s.1
e basta piagnucolare che gli studenti missini/aennini sono discriminati. Da giovani è sempre stato molto facile essere missini/aennini o comunisti, il problema era per chi non voleva polarizzarsi tra queste due banalità sconfitte dalla storia


p.s.2
il tizio "JL" ha scritto un'imbecillità degna del peggior stalinista (e ripeto: la Resistenza non era fatta solo da stalinisti, non cadiamo nella menzogna togliattiana)

Hobbit ha detto...

eccoli arrivati i sapiens comunisti, quin nessuno e fascista, perchè ormai siamo nel 2008 ma questo nn vuol dire essere anti fascisti anche perchè io nn vorrei essere mai come voi infami

Angelo D'Amore ha detto...

Fini dal congresso di fiuggi e' diventato il primo antifascista, disconoscendo molti di quei valori che si trovavano anche nel M.S.I.

Federica ha detto...

Credo che i ragazzi di QUESTA destra non debbano prendere lezioni di democrazia da nessuno e l'Atreju ne è stata l'ennesima dimostrazione.. Credo il Presidente della Camera, che , per inciso, da anni non considero più il mio presidente, non abbia alcuna autorità morale per venirci ad insegnare cosa è giusto e cosa è sbagliato, lui che ha visto morire amici camerati, che li ha pianti e ci ha insegnato a non dimenticarli e che oggi li rinnega.. Credo poi che la discussione sul Ventennio sia assurda e anacronistica.. il Fascismo è stato un movimento politico e come tale è stato, è e sarà giudicato dalla storia in modo obiettivo ed imparziale.. Qui nessuno vuole fare un'apologia del Fascismo negandone gli errori e le atrocità ma non è corretto neanche far finta di non vedere tutto ciò che di buono c'è statro e ci è stato lasciato.. Noi siamo figli dei nostri tempi e abbiamo conosciuto un Mondo completamente diverso ma non abbiamo dimenticato che quei ragazzi che secondo Fini sono morti dalla parte sbagliata erano Italiani e hanno dato la vita per un ideale in cui credevano e anche solo per questo meritano il rispetto di tutti, aldilà di qualunque discorso sulla democrazia che non c'entra assolutamente nulla.. Chi pensa il contrario , bè, non è degno di essere chiamato uomo!!!!!
Non sono e non sarò mai antifascista e non ci sarà mai la tanto sospirata pacificazione nazionale finché non si capirà che i valori fondamentale sono l'amore per la propria Patria e per il proprio popolo, per i quali da un lato e dall'altro è stato versato tanto sangue.. Non ci sono morti di serie A e morti di serie B, ci sono morti e basta, figli di questa stessa terra che non li ha dimenticati e non li dimenticherà...... Mi dispiace se qualcuno in questi anni si è sentito "figlio di un Dio minore" e per questo ha girato le spalle alla sua storia, io (e come me molti altri...) ho sempre pensato di essere la parte sana e pura di questa Nazione che combatte ogni giorno per un mondo migliore e che non mollerà mai! Federica