L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito: soltanto qui è la chiave di tutto. (Goethe)

venerdì 20 giugno 2008

No alle Olimpiadi della repressione

"Metti all'angolo la repressione"


Questa la campagna nazionale promossa
e ideata da Azione giovani,
in
occasione del passaggio della torcia Olimpica in Tibet
(19/21 giugno 2008)
.

Parallelamente all’evento, che sta sollevando non poche polemiche in tutto il mondo, sabato 21 giugno si terra l’inedita sfida “Italia-Tibet”: mini-tornei di sport olimpici come l’atletica, calcio, ciclismo, lotta, pallacanestro, pallamano, pallavolo, pugilato, tennis tavolo, tiro con l'arco, allestiti in piazza e aperti a tutti.
In occasione del passaggio in Tibet del “fuoco sacro”, che rappresenta idealmente i valori stessi che lo sport incarna, rilanceremo quella che consideriamo una vera e propria battaglia di civiltà. Vogliamo un Tibet libero dall’oppressore cinese, capace di autodeterminarsi e che possa quanto prima ritrovare il suo Dalai Lama, ad oggi ancora dolorosamente e ingiustificatamente esiliato, a Roma, Firenze, Bari, Gorizia, Cagliari e in molte altre città saranno allestiti dei mini “villaggi dello sport” aperti a chiunque vorrà cimentarsi nelle discipline olimpiche. All’evento, che vedrà tra gli altri la partecipazione di numerosi esponenti politici, hanno aderito e collaborato anche le associazioni “Donne Tibetane” e “Student for Free Tibet”, che presenteranno le loro squadre di giovani Tibetani che sfideranno l’Italia nei mini tornei”.

1 commento:

poetessarmata ha detto...

Siculooooooooooooooooo AUGURI!!! Sul mio blog c'è un meme per te!